Prof.  Aldo Franco De Rose
 
 Incurvamento del pene
Home 
Profilo professionale
Chi è Aldo Franco De Rose
Gli articoli
Incurvamento del pene
Deficit erettile
Contatti 
Privacy  

 

Tutti i Problemi del Pene
 

Incurvamento congenito del pene
L’incurvamento congenito del pene , non associato ad altre anomalie, è dovuto alla sproporzione dei corpi cavernosi durante lo sviluppo. Generalmente l’ostacolo alla penetrazione è presente quando la curvatura supera i 30° Ma in soggetti giovani, anche a causa della caratteristiche anatomiche della partner, incurvamenti non particolarmente severi possono essere causa di ostacolo meccanico alla penetrazione. In questi casi si consiglia l’' intervento di corporoplastica la cui tecnica chirurgica si basa sul principio di pareggiare la lunghezza del lato convesso con quello concavo del pene. E’ consigliabile trattare ben presto questa anomalia in quanto la malformazione anatomica determina un autentico disagio psicologico.


Incurvamento acquisito del pene (Malattia di La Peyronie)
Gli incurvamenti acquisiti del pene sono dovuti nella maggior parte dei casi alla Induratio Penis Plastica (IPP) o malattia di La Peyronie, dal nome del chirurgo di Luigi XV che la scoprì.
E' una malattia del pene a causa non nota caratterizzata da una fibrosi circoscritta della tunica albuginea, la guaina scarsamente vascolarizzata che riveste i corpi cavernosi del pene. La "placca", costituita da fibre collagene che hanno sostituito quelle elastiche, costituisce una limitazione alla elasticità per cui durante le erezioni si determina una curvatura verso il versante malato.
La IPP colpisce prevalentemente uomini di mezza età, molto più raramente soggetti giovani o anziani; si riscontra quasi esclusivamente nella razza bianca (rari casi tra i neri e nessuno tra gli orientali).


Sintomatologia e decorso

  • 70% dei casi ha esordio improvviso

  • 30% dei casi esordio insidioso e lento nel tempo e si associa a dolore alla penetrazione per uno o entrambi i partner
    e nel 15% dei casi a deficit erettile
    Tutto ciò con un importante effetto psicologico negativo sull'attività sessuale.

La diagnosi è molto semplice

  • autofotografia del pene in erezione

  • Esame obbiettivo

  • EcoDoppler dinamico penieno , cioè dopo puntura di 5 microgrammi di prostaglandine nei corpi cavernosi

Terapia
Farmaci somministrati per via orale e Terapia fisica (ionoforesi, punture di cortisone, laser, ESWT) non sono di nessuna utilità ed efficace nel ridurre la placca o la curvatura del pene. Anzi le punture locali di cortisone o altre sostanze danneggiano di più il corpo cavernoso per cui è consigliabile solo nel caso in cui il dolore non cessa con la terapia orale

Terapia Chirurgica

lL'unica opzione terapeutica efficace resta la chirurgia con interventi di raddrizzamento del pene:

  • Corporoplastica Correttiva con o senza patch nei casi di Induratio Penis Plastica.

  • In caso di Incurvamento Congenito del Pene bisogna praticare solo la Corpoplastica Correttiva in quanto si tratta di pene sempre ben sviluppato.

  • Nell’Induratio Penis Plastica si ricorre all’Impianto di protesi peniene soo quando è presente deficit erettile

Fimosi
La fimosi si manifesta con il restringimento dell'orifizio prepuziale e può essere congenita o acquisita.
Frequentemente è complicata da infezioni balano-prepuziali e comporta un rischio aumentato di tumore del pene, peraltro rarissimo (1 caso ogni anno su 100.000 uomini).
La soluzione definitiva del problema fimosi è affidata alla chirurgia, mediante un intervento di plastica del prepuzio.


Frenulo prepuzioale corto
Altra condizione di frequente riscontro è la brevità del frenulo prepuziale che rappresenta spesso una fonte di ansie anche per l'uomo adulto per la frequente implicazione che determina sull'eiaculazione precoce di origine organica, legata ad una iperstimolazione di questa zona riccamente innervata ed in continua tensione durante l'atto sessuale. Anche in questo caso la soluzione, è di pertinenza chirurgica mediante un procedimento in anestesia locale chiamato frenuloplastica.


Allungamento del pene
Le dimensioni del pene. Un problema, che a differenza del passato, sembra interessare giovani e meno giovani, 40-50enni. Certamente la forma più diffusa è la "dismorfofobia peniena", quella che origina dalla preoccupazione relativa alle dimensioni del proprio pene. La ricerca di una tecnica volta alla realizzazione di un aumento delle dimensioni del pene si perde probabilmente nella notte dei tempi; negli ultimi anni tuttavia si è assistito ad un aumento esponenziale delle richieste di intervento finalizzato all'aumento delle dimensioni del pene.
La valutazione da parte dello Specialista è pertanto fondamentale per distinguere i casi in cui la tecnica chirurgica può realmente fornire risultati apprezzabili e soddisfacenti da quelli in cui il supporto psicologico appare maggiormente candidato al successo.
La tecnica chirurgica di allungamento si fonda sulla sezione del legamento sospensore, la struttura che àncora la parte pendula del pene al pube, associata a plastiche cutanee che rendano "più visibile" la protrusione dell'asta in tal modo ottenuta.

 

Caso 1
    

 

 

Caso 2

    

 

    

 

 

Caso 3

    

 

 

 

 
 
2010 Copyright - Aldo Franco De Rosee